Alessandra Gelfini

Nata a Como, ha studiato pianoforte ai conservatori G. Verdi (Como) e A. Boito (Parma), dove si è diplomata con il massimo dei voti sotto la guida di Cristina Carini. Si è poi diplomata in composizione tradizionale al Conservatorio G. Verdi di Como, sotto la guida di Carlo Ballarini, sempre con il massimo dei voti. Si è perfezionata con Alexander Lonquich (Firenze), Rosalyn Tureck (Oxford), Paolo Bordoni , Massimo Somenzi, Pier Narciso Masi, Maureen Jones, Enrico Bronzi ed il Trio di Trieste. Si è esibita in Europa e in Argentina, dove ha esordito nel 2001 presso il “Centro Nacional de la Musica y la Danza” di Buenos Aires. Si è inoltre prodotta per RadioRAI, RSI (Radio Svizzera Italiana) ReteDue e Radio Popolare, e ha inciso per Fabbri Editori e Tetraktys Music. Parallelamente si è dedicata per lungo tempo alla musica contemporanea (ensemble Musicamorfosi) e, durante un lungo soggiorno a Buenos Aires, ha studiato il tango argentino, diventandone appassionata interprete in formazioni dal duo al quintetto. Come compositrice/arrangiatrice per il teatro ha collaborato alla stesura di vari spettacoli e vanta una lunga collaborazione con l’attore Marco Ballerini. Ha lavorato a lungo con il duo Two Dice con il sassofonista Max Pizio, con un repertorio che spazia dalla musica contemporanea, al jazz, al tango argentino e con il quale ha inciso il CD “Alea” (Tetraktys Music) e, per Radio Svizzera Italiana, “Cafè Tango”. Si è dedicata, con il Trio Wieck, alla ricerca e all’esecuzione di compositrici del passato e contemporanee ed ha lavorato a lungo in duo pianistico, dapprima con Elena Strati, da cui il CD “Viaggio a quattro mani” (Tetraktys Music ), in seguito con Roberto Arosio nel Duo Florestano. E’ fondatrice del Cècile Ensemble, quartetto al femminile interamente dedicato alla musica da film, formazione della quale cura anche gli arrangiamenti e del Kairos Tango, con il quale affronta il
repertorio del tango argentino dal classico al contemporaneo. Ha recentemente collaborato con l’Orchestra da Camera di Mantova per un progetto dedicato alle Cuatro Estaciones Porteñas di Astor Piazzolla, condividendo il palco con il sassofonista Marco Albonet